Il Centro Diurno Integrato è un servizio di accoglienza diurna in grado di offrire alle persone anziane un reale sostegno alla vita quotidiana. L’obiettivo è quello di migliorare la qualità della vita della persona, ritardando il più a lungo possibile il ricovero in struttura protetta.

Accoglie persone con compromissione dell’autosufficienza:

  • di età superiore ai 65 anni
  • affette da pluripatologie cronico-degenerative;
  • necessitanti di supporto sociale

Il CDI prevede di massima un’apertura dalle ore 7.30 alle ore 18.15 dal lunedì al venerdì, il sabato dalle 7.30 alle 16.30, con possibilità di apertura la domenica, poiché si caratterizza come struttura flessibile nei suoi contenuti e nelle modalità dei servizi offerti. L’utente e la propria famiglia possono scegliere la modalità di frequenza se quotidiana o bisettimanale o quella dettata dalle diverse esigenze individuali. E’ previsto un servizio di trasporto protetto per l’accesso ed il ritorno a domicilio.

Le prestazioni garantite sono:

  • servizi alla persona (assistenza personale quotidiana, assistenza durante il momento del pasto, igiene parziale e bagno assistito);
  • servizio di animazione e socializzazione (attività ludico ricreative, di relax, attività di stimolazione cognitiva, attività motorie di gruppo, uscite sul territorio, attività manuali e/o occupazionali);
  • prestazioni sanitarie (terapia individuale, medicazione al bisogno, controlli dei parametri vitali);
  • sostegno al contesto famigliare (consulenza medico-infermieristica, colloqui di sostegno con i famigliari, orientamento nelle scelte assistenziali di base);
  • servizi alberghieri (pasto, merenda, trasporto casa-CDI)
  • se indicata e prescritta, attività riabilitativa fisioterapica

Modalità di accesso

L’ammissione al CDI avviene mediante richiesta da parte dell’utente o della famiglia, su consiglio del Medico di Medicina Generale o dell’Assistente Sociale di riferimento. Prima dell’ingresso viene di norma effettuato un colloquio con i famigliari e con l’utente per valutare le principali motivazioni che hanno determinato la richiesta di inserimento. La coordinatrice del servizio provvede a fissare un appuntamento tra il richiedente e/o il suo famigliare ed il medico responsabile il quale, congiuntamente alla coordinatrice valutano la situazione del richiedente e il suo bisogno assistenziale. Una volta valutata positivamente la possibilità di accoglienza si procede all’inserimento, in base alla disponibilità.